Cinque regole per evitare fregature nel comprare un’ auto usata

Anche quando acquistiamo un auto usata ci può stare dietro una fregatura. Bisogna stare attenti e non farsi fregare da un’ affare eccessivamente attraente. Dietro offerte stracciate, potrebbe nascondersi la magagna. Ecco perché abbiamo selezionato per voi, cinque regole che vi consigliamo di appuntare per evitare di prenderne una.

Scegliere bene gli annunci

La maggioranza delle ricerche avviene online. Non limitatevi a confrontare anno di immatricolazione, prezzo e percorrenza, non sempre prezzo basso è sinonimo di affare. Inoltre, preferite gli annunci con veicoli con targa scoperta, sarà più facile fare una piccola indagine sulla storia dell’auto in vendita.

Non limitatevi all’aspetto estetico

Non fermatevi solo all’aspetto estetico e di conservazione del veicolo. Immagini che dalle foto sembrano quasi quelle di un auto nuova, in realtà possono celare una potenziale truffa.

Ricostruire la storia del veicolo

Prima dell’acquisto è bene impiegare un po’ del vostro tempo per conoscere meglio l’auto che state acquistando. Potete consultare il Pra (pubblico registro automobilistico) tramite l’Aci o un’agenzia di pratiche auto. Si potranno così, conoscere in poco tempo i precedenti proprietari e il valore delle singole transazioni. Se scoprite che l’auto è stata acquistata dall’estero, chiedete al venditore il documento d’acquisto.

Occhio al contachilometri

Non fidatevi delle dichiarazioni del libretto di manutenzione. Potrebbe essere stato manomesso così come il contachilometri, per farci credere che l’auto abbia percorso meno chilometri di quelli che in realtà ha fatto. Preferite venditori che forniscono una cronologia scritta della manutenzione pregressa.

Più domande fate meglio è

Potrà sembrare un metodo ormai fuori moda, ma più domande fate al venditore e più probabilità ci sono che riuscire a capire la sua buonafede. Un venditore che risponde in maniera chiara e puntuale alle vostre domande, è probabile che non abbia nulla da nascondere. Se invece, risponde con titubanza o mostra con difficoltà tutti i documenti del veicolo, è presumibile che abbia qualcosa da nascondere.